Architectural
Research
Workshop

Italia - Francia - Europa

Centro sportivo a Parigi

Luogo:
Suresnes, Parigi, Francia

Committente:
Comune di Suresnes

Completamento:
2017

Area totale di intervento:
3.125 mq

Superficie costruita:
1.925 mq

Programma funzionale:
Polo sportivo con palestra per ginnastica ritmica e aule polifunzionali per le attività sportive e di quartiere

Il progetto del centro sportivo di Suresnes (Parigi) si colloca all’interno di un sito eterogeneo, composto da piccole unità abitative ed edifici per la produzione, tutti di piccola scala.
Questa caratteristica rende tale zona particolare e differente dalle altre periferie di Parigi che hanno, d’altra parte, una scala più vasta.
Vista la sua specificità, la geografia del sito diviene qui fattore essenziale e base per la definizione del progetto.
Si propone un’architettura che appartiene profondamente al luogo, ma che esprime una differenziazione in grado di generare una vera qualificazione dell’ambiente.
La distinzione ha, contrariamente a quanto si pensi, un’ottica di integrazione, in quanto rende i materiali del sito oggetti preziosi, creando una struttura emblematica e seducente e al contempo domestica e rappresentativa della sua funzione collettiva e pubblica.

Il sito e la sua morfologia sono un altro elemento centrale su cui si basa la definizione e la concezione dell’architettura. Una grande complessità di fattori influenza fortemente le scelte: la vicinanza degli edifici all’area, la forte pendenza del terreno e i limiti di sviluppo in altezza, che obbligano a rispettare rapporti visuali e illuminanti reciproci. È così che la relazione con i confini e con il suolo, imponendo forti vincoli, diviene primario elemento generatore del progetto.

Esso si delinea come uno spazio pubblico condiviso, dove l’automobile è subordinata ai percorsi pedonali grazie alla realizzazione di uno spazio aperto che combina una pavimentazione in pietra e aree verdi, differenziandole ed integrandole. Non esiste un edificio anteriore e posteriore, ma un sistema di spazi aperti e costruiti; qui il percorso che si disegna nell’area e congiunge le due vie limitrofe attrae diversi flussi. Come un fulcro pulsante il centro sportivo emerge con le sembianze di una struttura appartenente al sito, che unisce le categorie urbane di strada, piazza e parco, definendo un nuovo tipo di luogo pubblico e conferendo centralità al quartiere. “Scavo” ed “estrusione” sono i due procedimenti generatori che danno forma all’edificio e contemporaneamente risolvono la complessità del programma in relazione all’area. Nello scavo si colloca la funzione principale della palestra, confinante con una grande corte inglese che la trasforma in uno spazio protetto di alta qualità. L’estrusione ospita invece la sala polivalente che da terra raggiunge un’altezza considerevole per proteggere la corte sottostante e sottolineare l’importanza dell’edificio nel contesto.



Extra notes

Importo lavori:
5.000.000 €

Progettazione architettonica:
Arch. Camillo Botticini, Arch. Matteo Facchinelli (Botticini + Facchinelli ARW S.r.l. S.t.p.) con MenoMenoPiu Architects

Gruppo di progetto:
Arch. Lucia Fanetti, Arch. Ilaria Giurgola, Arch. Andrea Plebani, Arch. Amalia Dumitru

Consulenti strutture:
Bollinger + Grohmann S.a.r.l

Consulenti progettazione impiantistica ITF, elettrica ed acustica:
Inex S.a.s., Aida

Consulenti progettazione paesaggistica:
Agence Christophe Gautrand & Associés

Render:
MenoMenoPiu Architects


Tavole tecniche
1/1