Architectural
Research
Workshop

Italia - Francia - Europa

Published on:


Tra l’abitato e il parco: un condensatore culturale per Vedano

Il progetto si colloca in uno spazio strategico tra l’abitato storico di Vedano e il parco della Villa Reale di Monza, in prossimità di Villa Litta e della strada che conduce all’autodromo.

L’edificio progettato si pone in luogo di un cinema recentemente demolito, in fregio alla Via E. Ferrari e all’incrocio con Via Santo Stefano dove si apre una piccola piazza ad emiciclo.

Si propone un impianto insediativo che si adegui alla morfologia del sito con un’impronta   poligonale irregolare e allungata in pianta. Si configura una caratterizzazione spaziale che si pone l’obiettivo di realizzare una sequenza di spazi pubblici aperti, dotati di carattere e identità specifici, sia verso la piazza triangolare al proprio interno, che nei confronti della piazza a emiciclo esterna.

La proposta definisce un’area costituita da due corpi che delineano la corte triangolare, uno dei quali, largo 13 metri, è destinato a sala teatrale e completato da una torre scenica, elemento emergente nel contesto. L’altra porzione, a sezione variabile tra gli 8 e i 10 metri, è interamente destinata a ospitare la biblioteca.

Questa si presenta con uno spazio info all’ingresso e subito dopo una gradonata utilizzabile come spazio multifunzionale, per la lettura, conferenze, presentazioni libri, lezioni frontali. Questo open space, affiancato da una scala che diventa ponte, è permeabile dalla strada, aprendo verso la corte interna con uno spazio coperto per dare forma alla realizzazione di un’interessante compenetrazione tra spazio pubblico interno ed esterno.

 


Next articles

Economia espressiva dell’architettura e dello spazio, criticamente distante da mode e formalismi, alimentata dalla storia nelle sue strutture primarie.

Portfolio