Architectural
Research
Workshop

Italia - Francia - Europa

Published on:


Capogrossi | Roma

La riconoscibilità dello stile pittorico di Giuseppe Capogrossi (Roma 7 marzo 1900 – 9 ottobre 1972) avviene dopo una prima fase, mediante l’introduzione del segno. Attraverso il simbolo, il pittore attiva una riconoscibilità che diventa emblematica e assolutamente unica, attraverso la ripetizione, il cambio di colore, con un movimento quasi ossessivo.

L’introspezione di Capogrossi, romano per eccellenza, esiste soprattutto in relazione con l’ambiente esterno, è un rapporto di continua intersezione tra il fuori e il dentro.

 

Come in un dipinto di Capogrossi, il progetto architettonico, propone un’idea di abitare che cerca nello scavo, nell’interferenza e nella continuità una modalità di definizione dello spazio e della forma, un rapporto tra interno ed esterno. La dimensione arcaica del segno rimanda a forme archetipe e a un’intensità ed energia che ricerchiamo nel progetto.

 


Next articles

Economia espressiva dell’architettura e dello spazio, criticamente distante da mode e formalismi, alimentata dalla storia nelle sue strutture primarie.

Portfolio