Architectural
Research
Workshop

Italia - Francia - Europa

“Oltre la strada”: un intervento di agopuntura urbana

Luogo:
Brescia, Italia

Committente:
Comune di Brescia - Arch. Giampiero Ribolla (RUP) e Arch. Laura Treccani

Completamento:
In corso

Area totale di intervento:
36.220 mq

Superficie costruita:
24.312 mq

Programma funzionale:
Intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie della città di Brescia (aree Via Milano, Teatro Ideal, Case del Sole, Via Milano 140, Sottopasso Via Rose)

L’obiettivo del progetto “oltre la strada” è la creazione di una nuova identità urbana e comunitaria di un’area ex industriale situata ad ovest del centro storico di Brescia, la cosiddetta “Via Milano”, negli ultimi decenni oggetto di un progressivo degrado fisico e sociale.
Collocata appena al di là di una delle arterie dello shopping e del Distretto urbano del commercio, Via Milano è la prima vera periferia di Brescia. Segnata più di altre zone dalla storia locale del Novecento industriale, è stata insieme epicentro e metro delle trasformazioni sociali, economiche ed urbanistiche della città.
Per riqualificare la zona si è proposta una strategia che operi una “agopuntura” sugli spazi collettivi aperti attraverso la definizione di nuove centralità. creando nuove condizioni di urbanità condivisa per il contesto in questione, si intende innescare un processo di riscatto e rilancio che porti i cittadini a “vivere e far rivivere Via Milano”.

La strada deve divenire non solo semplice asse di transito ma nuovo luogo urbano, ricco di potenzialità e contenuti. uno spazio della città dove la fruizione pedonale e la migliore ciclabilità rendono diversa l’intera sezione stradale, un ambiente fisico dove le criticità sociali individuano, rispetto alla città, soluzioni e zone dotate di forza e carattere. l’intervento chiave del progetto generale è la ridefinizione di Via Milano come elemento collettivo, che cambia radicalmente e che ricompone le diverse identità. Aspetti cruciali in tal senso sono le pavimentazioni con asfalti colorati per evidenziare piste ciclabili e parcheggi, in alternanza ai cubetti in pietra e alle lastre di granito. Questi materiali, unitamente ad una nuova illuminazione pubblica, ridisegnano un diverso modo di percepire ed usare la strada. insieme alla trasformazione dell’asse viario, si riportano qui di seguito i nodi su cui operano i progetti con l’intenzione di definire urbanità.



Extra notes

Importo lavori:
19.000.000 €

Progettazione architettonica:
Brescia Infrastrutture S.r.l. (responsabile Ing. Alberto Merlini) e Arch.Camillo Botticini (Botticini + Facchinelli ARW S.r.l. S.t.p.) per il coordinamento progettuale

Gruppo di progetto:
Arch. Paola Daleffe, Arch. Stefano Bordoli, Arch. Paolo Livi, Ing. Massimo Torquati e Ing. Claudio Orlandi

Consulenti strutture:
Ing. Alessandro Gasparini

Consulenti progettazione impiantistica ITF ed elettrica:
Ing. Andrea Andreis, Fabio Bolzoni

Consulente acustica:
Arch. Eleonora Strada

Render:
morenomarrazzo.com


Tavole tecniche
1/4
2/4
3/4
4/4