Architectural
Research
Workshop

Italia - Francia - Europa

Un’idea di città giardino contemporanea a Stezzano

Luogo:
Stezzano, Bergamo, Italia

Committente:
Fabrica Real Estate S.r.l.

Completamento:
In corso

Area totale di intervento:
65.000 mq

Superficie costruita:
22.700 mq

Programma funzionale:
Masterplan di 33 edifici residenziali con 230 appartamenti, attività di servizio e commerciali, funzioni ricettivo-terziarie, spazi pubblici e spazi verdi

Stezzano è una cittadina quasi conurbata con Bergamo, in direzione ovest. Qui, nel limite tra l’abitato e la campagna, si colloca l’intervento di recupero di un’area in passato destinata all’allevamento. Il progetto è posto in prossimità di una corte rurale e definisce un nuovo intervento di circa 230 residenze, organizzate secondo il principio dei micro-isolati. configurato come un aggregato di piccole unità abitative composte da 6 o da 8 alloggi (ad eccezione di due corpi da 13 unità), il progetto dispone palazzine a tre piani fuori terra intorno ad un nucleo verde, un cuore a disposizione dei condomini. Tra le case si disegnano dei percorsi pedonali pavimentati in pietra ed attrezzati con sedute e vasche piantumate. In posizione quasi centrale si colloca una piazza perimetrata da negozi e servizi, nucleo di un edificio a corte aperto su più lati e destinato ad albergo. Si delinea così un piccolo villaggio residenziale per 600 potenziali abitanti, senza auto, dotato di tecnologie smart, denso ma con molti spazi comuni e a misura di bambino. Qui le auto vengono relegate al bordo o condotte nei parcheggi interrati. Il nuovo quartiere, invece, si può attraversare a piedi o in bicicletta in una rete interconnessa all’intero abitato.

Le case, intonacate e con tetti di alluminio dello stesso colore delle facciate, sono tutte dotate di logge rivestite in legno, vere e proprie “stanze all’aperto” che dilatano lo spazio di soggiorni e cucine in continuità con grandi vetrate protette da tende esterne. Anche nelle zone notte le stanze si affacciano su logge con finestre munite di ante in legno.
Si realizza dunque l’immagine di un borgo sostenibile che attualizza, in una versione più urbana e priva di storicismi, l’idea della città giardino. Qui la campagna che nella pianura padana sopravvive alle attività produttive e alle infrastrutture è ancora forte e costruisce un orizzonte ampio, ospitando un luogo dove sia possibile vivere tra città e paesaggio.



Extra notes

Progettazione architettonica:
Arch.Camillo Botticini, Arch. Matteo Facchinelli (Botticini + Facchinelli ARW S.r.l. S.t.p.)

Gruppo di progetto:
Arch. Lucia Fanetti, Arch. Ilaria Taietti, Arch. Maddalena Gatti, Arch. Sara Fausti

Consulenti strutture:
Ing. Marco Tadini

Consulenti progettazione impiantistica ITF ed elettrica:
Europroject S.r.l.

Render:
LEVEL CREATIVE STUDIO


Tavole tecniche
1/3
2/3
3/3